The amazing Spiderman: il potere di Electro


darospoaprincipeAmazing, letteralmente, si traduce con stupendo, stupefacente. Ecco: oltre che nel titolo non cercate nulla di simile in tutto il film.

Non essendoci sorpresa alcuna, è impossibile incappare nel problema spoiler.

L'Uomo Ragno era uno dei miei supereroi preferiti: compravo i fumetti e mi appassionavo a quel suo conversare ironicamente con se stesso mentre volava appeso alla sua tela tra un grattacielo e l'altro. Ironia che lo accompagnava in ogni singolo riquadro.

La delusione che provai davanti alla trilogia con Tobey Mcguire fu cocente: era forse l'amante di uno dei presidenti di qualche Major? Dov'era la sua somiglianza con Peter Parker? Finii col rimpiangere  Nicholas Hammond, interprete del film del 1977... (Per non parlare di Mary Jane Watson ridotta a ragnetto insignificante... la mitica MJ...).

Ora è il turno di Andrew Garfield. Fratello del più celebre ed espressivo Gatto?



darospoaprincipeIl nuovo Uomo Ragno dei fumetti è meno ironico di quello che leggevo io. Il precedente viveva le difficoltà dello studente universitario obbligato a sbarcare il lunario nel quotidiano; questo... È un adolescente!

Come dicevo nel mio precedente articolo su Capitan America (un'eccezione), è difficile trovare film della Marvel con una trama solida: si finisce sempre col puntare tutto su marketing ed effetti speciali... 

Ma ormai non bastano più. 

Avrei derubricato questo a film per ragazzini se solo non mi fossi fortuitamente imbattuto in un gruppetto di adolescenti che abbandonavano come me la sala a fine proiezione. Insieme alla sala avevano parimenti abbandonato il sorriso che li aveva condotti lì.

Oltre due ore di film che ti spingono a chiederti lumi sull'uso del tempo: chi te l'ha fatto fa' di passare 140 minuti così? Perché non sei andato in discoteca a rimorchiare (sono 10 anni che non vado in discoteca!)? Proprio sicuro che in tutta Roma non proiettassero un film con degli argomenti? Almeno qualche tetta...  

Qui la storia è elementare e priva di colpi di scena; la recitazione d'insieme è ben lontana dal poter essere presa in considerazione per qualsiasi premio; gli effetti speciali sono ormai i soliti: l'ho già detto che non bastano più? Manca la gnocca di turno che almeno può risollevare in qualche modo l'esito di un'opera cinematografica.
darospoaprincipe
Ma è quando si arriva alla macchina che prende compiutamente forma la domanda chiave ch'è andata formandosi a fatica tra un dubbio e l'altro: perché il premio oscar Jamie Foxx ha accettato una parte in questo film?

Gwen non sarò mai un uomo: io sarò per sempre un super-eroe che si arrampica su per i muri e lancia ragnatele, ma io ti amerò nonostante tutto! - Spiderman

C'è bisogno di altro?